Visti

VISTI? NO PROBLEM!

Ci sono Paesi nel mondo dove per entrare è necessario richiedere il visto prima della partenza. Noi vi aiutiamo nella gestione delle pratiche di richiesta visti.

COS'È UN VISTO CONSOLARE?

Il Visto consolare è un permesso mediante il quale il Console di uno Stato riconosce validità ad un passaporto italiano consentendo al titolare di entrare nel proprio territorio e di uscirne.
Esistono vari tipi di visti: i tempi per la lavorazione della richiesta cambiano da Stato a Stato per cui è consigliabile informarsi con largo anticipo prima di programmare il viaggio.

Che tipi di visti esistono?

La principale suddivisione dei visti consolari riguarda la motivazione del viaggio. I visti consolari si suddividono in:

  • Visti Turismo: indicati per viaggi di piacere
  • Visti Affari: consentono di stipulare contratti, effettuare transazioni economiche ed espletare attività di tipo professionale e normalmente richiedono, per essere rilasciati, l’invito da parte di una Società nella nazione di destinazione.
  • Visti per Studio: generalmente richiesti per motivi di studio anche di breve durata.

Come si ottiene un visto consolare?

Per la richiesta ed il rilascio del visto Consolare, è necessario presentare al Consolato interessato una documentazione che normalmente comprende il passaporto in corso di validità, la compilazione dei moduli consolari debitamente sottoscritti  e corredati dalle foto del richiedente oltre al pagamento di diritti di importi differenti. Molto raro è il rilascio del visto gratuito, mentre è spesso prevista la richiesta di diritti d’urgenza.

Il Consolato potrebbe richiedere un’ulteriore documentazione, come ad esempio la sottoscrizione di polizze Assicurative per la copertura di spese mediche/chirurgiche che possiamo emettere direttamente in agenzia.

CHE DIFFERENZA C’È TRA PERIODO DI VALIDITÀ E DURATA DEL SOGGIORNO?

  • Periodo di validità: è il tempo entro il quale il richiedente può entrare nel Paese straniero. Ad esempio, se un visto ha un periodo di validità di tre mesi dal rilascio, vuol dire che il richiedente può entrare nel Paese straniero soltanto entro i tre mesi dal giorno in cui il visto è stato rilasciato. Trascorso questo periodo, il visto non può più essere utilizzato ed il titolare del Passaporto, per poter entrare in quella Nazione, dovrà presentare una nuova richiesta.
  • Durata del soggiorno: indica il numero di giorni effettivi durante i quali il titolare del Passaporto può rimanere nel territorio della Nazione straniera. Ad esempio, se un visto indica una durata del soggiorno di 30 giorni, il titolare del Passaporto dovrà obbligatoriamente lasciare il Paese entro 30 giorni dalla data di ingresso.

Più semplice l’ottenimento dell’autorizzazione Esta per Stati Uniti e Eta per Australia e Canada che possiamo richiedere direttamente in agenzia in presenza dell’interessato e con rilascio quasi immediato.

Hai bisogno di ulteriori informazioni?

CONTATTACI al numero 0363 303800, oppure compila il FORM. Riceverai tutte le informazioni necessarie.

Nome e cognome (Richiesti)

La tua email (Richiesta)

Il tuo telefono

Di cosa hai bisogno? (Richiesto)